L'armocromia

La percezione del colore è soggettiva, esiste solo negli occhi e nel cervello dell’osservatore umano: Il colore non è una caratteristica propria di un oggetto.

Quello che noi vediamo è dato dall’interpretazione  del cervello dell’assorbimento della luce di determinate lunghezze d’onda,  da parte dei tre tipi di fotorecettori, detti coni,  che sono concentrati sulla retina dell’occhio umano.

I coni  appunto sono tre  e ognuno di loro è sensibile a uno dei colori primari: rosso, giallo, blu. I colori primari vengono definiti in questo modo perché non si possono ottenere dalla mescolanza di alcun altro colore.

Da queste tre tinte possiamo invece ottenere tutti gli altri colori, per questo i colori primari rappresentano la tavolozza essenziale per un pittore.

colori secondari si ottengono mescolando tra loro due colori primari in uguali quantità. Ogni coppia di colori primari mescolati genera un colore secondario in questo modo:

  • giallo + rosso = arancione
  • giallo + blu = verde
  • rosso + blu = viola

 

Ecco come i colori si posizionano nella stella di Oswald, uno strumento che permette di evidenziare i colori primari, secondari e di determinare il colore opposto neutralizzante.

La Stella di Oswald

La prima cosa che si deve sapere è che i colori “si parlano”, o meglio si influenzano tra di loro creando armonia e contrasti secondo la legge della colorimetria

 

I colori consonanti creano armonia

Quali sono? Dividendo a metà la stella abbiamo il colori caldi da una parte ed i colori freddi dall’altra.

Se avviciniamo due colori caldi o due colori freddi avremo un accostamento armonioso e quindi consonante

I colori dissonanti: creano contrasto

Se avviciniamo un colore caldo ad uno freddo otterremo un contrasto e quindi parleremo di accostamento dissonante

I colori complementari: creano un contrasto maggiore

Per individuarli dobbiamo guardare la stella e cercare i colori diametralmente opposti

Consigliare un accostamento cromatico è una grande responsabilità e noi lo facciamo tutti i giorni!

 

Share: